Perché assumiamo diverse posizioni quando dormiamo?

Che cos’è il sonno e quale ruolo svolge
Il sonno è un’attività fisiologica dell’organismo consistente in una perdita di coscienza temporanea e reversibile che, dopo un tempo variabile, si interrompe per riportare il soggetto allo stato di veglia.
L’alternanza di periodi di sonno con quelli di veglia prende il nome di ritmo circadiano e dipende da stimolazioni nervose che, arrivando al cervello, ne attivano alcune zone specifiche, tra cui il centro ipnoinducente.


Il ruolo del sonno è importantissimo per la salute in quanto durante le ore di riposo si verificano numerosi processi di recupero per i vari apparati, allo scopo di eliminare le tossine accumulate durante il giorno e di ripristinare le condizioni fisiologiche.

Perché dormendo non si sta fermi

posizioni durante il sonnoContrariamente a quanto si potrebbe pensare, durante il sonno ci si muove spesso; a volte si tratta di movimenti di piccola intensità, quasi inavvertibili, altre volte invece si tratta di cambiamento di posizione.


Assumere differenti posizioni muovendosi durante il sonno è quindi un comportamento assolutamente normale, salvo alcuni casi in cui la frequenza e l’intensità di tali movimenti diventa un sintomo di malattia.

 

Sarebbe interessante capire per quale motivo si assumono differenti posizioni durante il sonno; anche se non esistono molti studi scientifici al riguardo, sembra che siano coinvolti alcuni stimoli predisponenti, che sono:

qualità e quantità di cibo assunto prima di coricarsi

se mangi troppo oppure se ingerisci alimenti piccanti, fritti, o particolarmente pesanti da digerire, il tuo apparato gastro-intestinale subisce un sovraccarico funzionale che altera il sonno costringendoti a continui spostamenti;

impiego di caffè e bevande stimolanti

se bevi caffè, té, bevande alcoliche o stimolanti come coca-cola e altri prodotti energizzanti il tuo organismo non è in grado di rilassarsi ed anche l’apparato muscolare, particolarmente attivo, ti condiziona a cambiare posizioni nel sonno;

prolungata esposizione a stimolazioni

se sei abituato a guardare le televisione da letto, oppure sei solito fare uso di computer, tablet o smartphone, ricorda che le stimolazioni luminose attivano il cervello che, al momento dell’addormentamento, non è in grado di rilassarsi. Anche in questo caso il tuo sonno sarà caratterizzato da un continuo movimento del corpo, con numerosi mutamenti di posizione;

scorretta igiene del sonno

se non disponi di una giusta rete o di un materasso adatto alle tue esigenze, che non riesce a sostenere correttamente il tuo corpo, di certo cercherai di cambiare posizioni durante il sonno, nel tentativo di trovare quella più adatta alle tue caratteristiche anatomiche;

dormire senza guanciale

secondo le più recenti linee guida, la scelta di dormire senza guanciale non è del tutto corretta in quanto le spalle ed il collo necessitano di un sostegno per rimanere in asse con la colonna vertebrale, mantenendo in tal modo una corretta postura anatomica. Se dormi senza cuscino è probabile che il tuo corpo avverta un certo disagio e cerchi di raggiungere una posizione confortevole cambiando spesso posizioni del sonno.

Quali sono le principali posizioni durante il sonno

Posizione fetale

In questo caso ti poni su un fianco con le gambe ritratte verso il petto e con le braccia angolate verso il collo; il tuo corpo simula la posizione del feto nel grembo materno. La posizione spesso viene assunta quando si ha freddo oppure si ha necessità di occupare poco spazio.

Posizione semifetale

Consiste nell’assunzione della posizione fetale, ma mantenendo le gambe distese ponendole una sopra all’altra; il corpo è meno raccolto e puoi scegliere tale posizione se non ami dormire supino.

Posizione a tronco

E’ caratterizzata dal porsi su un fianco con le membra superiori ed inferiori distese; anche in questo caso è consigliata se hai difficoltà a dormire sulla schiena.

Posizione prona

Si tratta della classica posizione con appoggio sulla parte anteriore del corpo con le braccia ripiegate a sostenere il capo; particolarmente indicata se non vuoi affaticare la schiena.

Posizione supina

E’ la posizione con appoggio sulla schiena e le braccia che possono aderire al tronco oppure rimanere distanziate ed aperte; se dormi supino probabilmente hai bisogno di un notevole spazio a tua disposizione.

Posizione a stella

In questa posizione ti poni supino con le braccia e le gambe aperte e molto distanti tra loro; spesso viene assunta per cercare fresco nelle stagioni calde.

Qual’è il ruolo del materasso nell’igiene del sonno

Uno dei presupposti più importanti per dormire bene è rappresentato dalla possibilità di coricarsi su un materasso dotato di tutti i requisiti necessari per garantire il benessere al tuo corpo.

Durante le ore di sonno la muscolatura tende a rilassarsi e di conseguenza tutto l’apparato osteo-articolare non viene sostenuto come durante le ore diurne; pertanto è possibile che intervengano delle posture scorrette dal punto di vista anatomico.

 

L’anatomia del corpo prevede differenti piani d’appoggio poiché le sue diverse parti non sono allineate; per tale motivo è necessario che le spalle ed il collo dispongano di un appoggio decisamente diverso da quello della schiena e degli arti inferiori.

 

 

Un buon materasso svolge appunto questo compito in quanto è in grado di offrire un supporto mirato alle specifiche esigenze di tutte le zone, assecondandone la componente anatomica.

 

 

I materassi realizzati con le nuove tecnologie come il Memory Foam o il Bio Memory si modellano in maniera perfetta alle differenti curvature dello scheletro per sostenerlo in maniera naturale distribuendo uniformemente le pressioni esercitate dalle varie zone anatomiche.

 

 

Questi prodotti si rivelano ideali per supportare qualsiasi posizione durante il sonno poiché il sostegno offerto è condizionato dall’anatomia specifica di ogni individuo.

 

Scopri la nostra linea di materassi

Scrivi commento

Commenti: 0