· 

GUIDA MATERASSI: MANUALE PER LA SCELTA DI MATERASSO E RETE GUIDA ALL’ACQUISTO DEL MATERASSO MIGLIORE

GUIDA ALL’ACQUISTO               LA SCELTA MIGLIORE DI                   MATERASSO E RETE

Il materasso è un’importante strumento utile a garantire un riposo al nostro corpo, migliorando la qualità del sonno e permettendo un recupero delle energie spese durante la giornata, per una vita migliore e più sana. Ecco una guida materassi indipendente per aiutarti nell’acquisto.

 

Spesso l’acquisto del materasso è una scelta difficile. Con tutte le offerte e tutti i prodotti disponibili, non si sa da dove iniziare a scegliere. Inoltre spesso (soprattutto in questi ultimi giorni) ci si chiede se scegliere un materasso realizzato con materiali ecologici , che rispetta l’ambiente e l’eco sistema, sia la scelta più giusta. Qual è il modello migliore di materasso, è meglio un tipo di materiale piuttosto che un altro, come comportarsi se si è una coppia e si è indecisi sulla scelta di un materasso matrimoniale

Queste e altre domande sono spesso frutto di una poca conoscenza della materia e dei prodotti che si vanno ad acquistare. Essendo quindi la scelta di un buon materasso non indifferente per migliorare la qualità della nostra vita, e non essendo i prezzi sui materassi indifferenti neanche essi, ho deciso di scrivere questa guida all’acquisto di un materasso per aiutare te consumatore a saper scegliere con più semplicità tra le moltissime scelte di materassi presenti sul mercato.

 

L’acquisto di un nuovo materasso, è quindi molto importante, ed è spesso un acquisto sottovalutato. Questa guida materassi è completa in quanto permette di stabilire molte caratteristiche in base alla propria persona. Inoltre il materasso può essere utile quando si vuole sconfiggere il mal di testa o far passare il mal di schiena. E’ importante dire che il materasso di solito va cambiato dopo massimo 7/10 anni dal suo utilizzo, in quanto è molto probabile che abbia perso consistenza e sostegno, oltre che per motivi igienici (acari, umidità etc.)

 

E’ importante che il materasso che si sceglie sia calzante al nostro corpo, ovvero si adatti al meglio alle forme del corpo, ed alle sue esigenze. Tali esigenze possono essere diverse per ognuno di noi, in base a diversi fattori (peso ed altezza ad esempio, ma non solo).

 

Ecco quindi un compendio con alcuni punti che è importante conoscere prima di acquistare il materasso migliore per dormire.

GUIDA ACQUISTO MATERASSI IN 12 PUNTI

1. Che cos’è e a cosa serve un materasso

2. L’importanza di un buon riposo e un sonno di qualità

3. Materasso migliore: come sceglierlo

3.1 Le caratteristiche personali nella scelta del materasso

3.1.1 Peso e materassi

3.1.2 Statura e materassi

3.1.3 Esigenze Personali e materassi

4. Tipi e qualità dei materassi

4.1 Materassi a Molle

4.1.1 Materassi a Molle Tradizionali (“ortopediche”)

4.1.2 Materassi a Molle Insacchettate (“indipendenti”)

4.2 Materassi Memory

4.3 Materassi in Lattice

4.4 Materassi Waterlily

4.5 Materassi Anallergici5. Che materasso comprare ai bambini

6. Come scegliere la rete migliore

7. Guida alla scelta del cuscino  

1.CHE COS’E’ E A CHE SERVE UN MATERASSO

Un materasso è un grande cuscino che viene posto (di solito) su di una rete ancorata ad unletto, sul quale è possibile dormire o riposare. “Materasso” deriva dall’arabo e significa “stendersi” o “gettarsi“.

 

I materassi nascono addirittura nel neolitico, quando si alzavano i giacigli dal terreno per evitare lo sporco e l’umidità. Probabilmente all’inizio i materassi erano costituiti da un insieme di foglie secche (o paglia) coperte da pelle di animale. Successivamente si iniziò a riempirlo da strati di lana e materiali morbidi, oppure composti di lattice di gomma.

 

Dal 1950 si iniziò ad utilizzare il materasso a molle (tradizionali), allora chiamato anche “ortopedico“, ma oggi tale tipo di materasso è ormai superato da materassi chiamati “ergonomici” (ovvero materassi che si modellano e seguono le curve del corpo). La maggior parte dei medici consigliano ormai l’utilizzo di questo tipo di materassi rispetto ai più tradizionali materassi ortopedici, in quanto quelli ergonomici si modellano in base al corpo, prendendone le forme.

 

2.L’IMPORTANZA DI RIPOSARE BENE

 

Quindi i materassi ergonomici sembrano essere la soluzione. Ma non è così semplice: di materassi ergonomici, infatti, ne esistono davvero tanti, di diverso materiale e di diversa consistenza, oltre che ad avere ognuno particolari benefici e caratteristiche, ognuna con effetti diversi in base alle caratteristiche personali di ognuno. Per garantirsi un riposo ideale ed un’alta qualità del sonno, è quindi importante conoscere i diversi tipi di materasso, le loro caratteristiche e come questi possano portare dei benefici ad una persona piuttosto che ad un’altra.

Ma perché è tanto importante riposare bene? L’importanza di un buon sonno sta nel fatto che il sonno ha una grande importanza per l’organismo, in quanto favorisce i processi di crescita e consente al cervello di rielaborare gli stimoli raccolti durante il giorno e fissando i ricordi nella memoria a lungo termine. L’alterazione dell’equilibrio sonno-veglia, se si protrae nel tempo, oltre ad influire in modo negativo sull’ umore della persona e su capacità di concentrazione, può anche portare tensione e stress e quindi aumentare il rischio di infarto e depressione.

 

Un altro aspetto negativo dell’ insonnia è che porta complicanze all’alimentazione e all’appetito, che possono diventare disordinati o eccessivi. Quando ci si priva del sonno viene quindi alterata sensibilità alla fame, e ciò potrebbe causare un aumento dell’appettito.

 

Una domanda che si sente spesso è la seguente:

 

Al mattino non appena mi alzo mi sento spesso stanco, tutto ciò può dipendere dal mio materasso?

 

Svegliarsi stanchi o non perfettamente riposati è un segnale per rivalutare la scelta di un nuovo materasso. Alcuni segnali d’allarme potrebbero essere i fastidi e i dolori lombari al mattino, oppure senso di disagio, fiacchezza e rapido affaticamento, con difficoltà di concentrazione. Un materasso usurato o non idoneo costringe ad assumere posizioni scomode ed è causa di frequenti spostamenti nel sonno, che provocano decine di piccoli risvegli. In tal modo, il nostro cervello riaffiora dalle fasi di sonno profondo determinando un’interruzione del processo di recupero psico-fisico. Nei casi peggiori ciò comporta il risveglio definitivo, generando anche problemi di insonnia cronica. Un materasso improprio oltre ad impedire di dormire bene può recare danni alla colonna vertebrale. E’ quindi importante in questi casi orientarsi verso la scelta dell’acquisto di un materasso nuovo.

 

3. ISTRUZIONI PER SCEGLIERE IL MATERASSO MIGLIORE

Il materasso ideale è quello scelto in base alle caratteristiche fisiche personali(corporatura, statura, percezione delle temperature, sudorazione, eventuali problemi di natura muscolo-scheletrica e delle abitudini di sonno di ognuno di noi). Un ottimo materasso deve garantire una corretta postura. Mentre dormiamo l’intera muscolatura che controlla la corretta posizione della colonna vertebrale si rilassa, rendendo così il corpo adattabile al supporto su cui è adagiato. Il nostro materasso deve essere capace di sostenere correttamente il corpo, e di far mantenere anche da distesi la curvatura fisiologica della colonna vertebrale.

 

 

Per poterci indirizzare verso la scelta di un materasso ottimale che risulti adeguato alle nostre esigenze è necessario conoscere bene le caratteristiche di ciascuna tipologia, ma è altrettanto indispensabile avere bene in mente l’obiettivo che si vuole raggiungere, così da compiere una scelta mirata che possa farci ottenere il miglior compromesso possibile tra desideri e possibilità reali.

Potrete scegliere tra diverse tipologie a seconda che si prediliga un materasso rigido a uno morbido, uno particolarmente caldo a uno fresco, e così via; il tutto in funzione del proprio corpo e delle proprie abitudini di riposo.

 

Il materasso è un elemento estremamente importante per la nostra salute e deve giovare albenessere del corpo e dello spirito.

 

Il materasso è responsabile di un buon riposo, o viceversa, di un cattivo sonno con tutto ciò che ne consegue: nervosismo,spossatezza, dolori posturali, e altre possibili patologie di natura fisica e psicologica. Un ottimo materasso deve offrire un piano di riposo ideale anche dal punto di vista igienico, deve essere: antiacaro,anallergico, antibatterico, ed ecologico.

 

3.1 CARATTERISTICHE PERSONALI DA CONSIDERARE QUANDO SI ACQUISTA UN MATERASSO

Esistono molte caratteristiche proprie di ogni persona che ne determinano il materasso ideale per ognuno di noi. Posizione abituale assunta nel sonno, peso e statura sono il punto di partenza per stabilire il grado di sostegno più adeguato.

 

Innanzitutto il materasso dovrebbe, come già detto sopra, essere ergonomico, ed adattarsi quindi alla struttura ed alla forma del corpo di chi lo utilizza. Ecco invece le diversecaratteristiche personali che rendono un materasso diverso dagli altri.

 

3.1.1 PESO

E’ importante scegliere un materasso che sia non troppo rigido, né troppo morbido. Se il materasso è troppo rigido, infatti, non permette una corretta distribuzione del peso corporeo, esercitando troppa pressione nei punti di appoggio (come bacino e spalle); invece in un materasso troppo morbido il corpo affonda, non permettendo così ilsostenimento della colonna vertebrale, e facendo aumentare la sensazione di calore in quanto diventa assente il passaggio d’aria.

 

Quindi per le persone più pesanti serve un sostegno più rigido, mentre per quelle piùesili è sufficiente un materasso più soffice. Nel caso di letto matrimoniale, sono anche consigliate le molle insacchettate, che isolano il movimento del corpo.

 

E’ inoltre utile sottolineare che, se la persona che utilizza il materasso è molto robusta o in sovrappeso, sarebbe bene utilizzare un materasso a molle a portanza sostenuta. Infatti lattice, memory e altri tipi di schiuma non sono adatti per le persone obese.

 

3.1.2 STATURA

Quando si va a dormire è anche importante considerare la statura di chi acquista il materasso, in modo da scegliere un materasso di dimensioni giuste per permettere all’intero corpo di distendersi completamente senza dover restare “accovacciato”, e in questo modo poter riposare meglio garantendosi un sonno migliore. Restare con le gambe piegate a lungo mentre si dorme, magari per mancanza di spazio, è sconsigliato per chi vuole riposare nel migliore dei modi, in quanto bloccando il libero movimento del corpo durante il sonno si ostacola la sua naturale propensione al movimento.

 

3.1.3 ESIGENZE PERSONALI

Chi suda molto:

 

Per chi suda molto sono indicati i materassi a molle: il nucleo di questi materassi è formato da molle che garantiscono elasticità e solidità. Gode di una buona aerazione pertanto è particolarmente indicato per chi suda molto.

 

Chi soffre di allergie respiratorie e asma:

 

Per queste persone sono consigliati materassi schiumati e viscoelastici: non richiedono una particolare manutenzione come il lattice, ma è buona regola farli arieggiare periodicamente. Reagendo al calore corporeo si adattano gradualmente al corpo garantendo un’ottima distribuzione della pressione durante il riposo, donando sensazioni di comfort e accoglienza impareggiabili.

 

Chi soffre il freddo?

 

Per chi soffre il freddo di solito sono consigliati materassi in materiali “avvolgenti”, come ad esempio i materassi in Memory o i materassi in Waterlily.

 

Chi soffre il caldo? Per chi soffre il caldo invece i materassi ideali sarebbero materassi a molle insacchettate rivestiti in tessuti confortevoli che regalano una sensazione di freschezza a tutto il corpo, oppure materassi con uno strato superiore in Gel, che ha la caratteristica di avere una bassa conducibilità termica, ed avendo inoltre una temperatura di alcuni gradi inferiore a quella corporea dona sempre una piacevole sensazione di freschezza.

 

Chi si muove spesso nel sonno?

 

Per chi ha un sonno agitato è consigliato utilizzare materassi quali le molle insacchettate oppure i materassi in lattice. I materassi a molle insacchettate

, infatti, grazie a molle indipendenti che reagiscono alla pressione del corpo indipendentemente dalle altre molle accanto, fanno si che il movimento non si propaghi lungo tutto il materasso. I materassi in lattice, invece, anch’essi consigliati per chi ha sonni agitati, grazie alla loro la capacità di recuperare subito la forma dopo una pressione sono indicati per chi si muove spesso durante la notte, e quindi consigliati per chi ha un sonno agitato.

 

Chi non si muove spesso nel sonno?

 

Per chi non si muove abitualmente troppo durante il sonno sono consigliati in genere materassi in Memory, in quanto avendo una bassa resilienza, assumono la forma del corpo e ne distribuiscono uniformemente la pressione su tutta la superficie, ritornando poi alla forma originaria in maniera lenta.

 

Materassi matrimoniali e comfort di entrambi i partner

 

E’ importante per mantenere un matrimonio al meglio, riposare ogni giorno in maniera ottimale, per alzarsi pieni di energia e per evitare che uno dei due coniugi o partner disturbi l’altro durante il sonno.

 

Per rispondere alle esigenze di entrambi, esistono diverse soluzioni: se due persone che dormono insieme su un materasso matrimoniale, e magari hanno una sostanziosa differenza di peso (un simpatico post definisce “la Bella e la Bestia”) oppure diversa percezione della temperatura. Una soluzione a questi problemi potrebbe essere quella di unire due materassi di uguale altezza pur se diversi nel materiale, rivestendoli con un unico strato di rivestimento. Se invece il problema è il movimento, una soluzione potrebbe essere l’utilizzo delle molle insacchettate, per fare in modo che il peso del corpo non intacchi altre parti del materasso, e che il movimento non si propaghi lungo tutto il materasso, non disturbando il sonno dell’altro nel caso in cui ci si muovesse di continuo.

 

4.VADEMECUM SU TIPI DI MATERASSI, MATERIALI E QUALITA’

Di materassi ci sono moltissimi modelli, realizzati con diversi materiali, ognuno con le sue caratteristiche che permettono di soddisfare le diverse esigenze di chi vuole dormire un sonno sano e riposante.

 

Come detto sopra, è necessario scegliere un materasso in base alle proprie esigenze e caratteristiche personali. Ecco perché questa guida analizzerà i diversi materassi presenti sul mercato, per permettere una scelta più equilibrata ed acuta al compratore.

 

Esistono molte differenze tra un materasso e l’altro: quelli a molle tradizionali, ad esempio, hanno una struttura interna uniforme, e in questo modo non garantiscono un appoggio anatomico, mentre i più moderni materassi a molle insacchettate indipendenti, con zone di portanza differenziate, danno un sostegno più ergonomico adattandosi al meglio al proprio corpo.

 

I materassi in lattice invece sono traspiranti, anallergici e sufficientemente flessibili da adattarsi ai contorni del corpo, distribuendo la pressione in modo uniforme. E’ facile quindi capire che ogni materasso svolge funzioni particolari. Ma quali sono i tipi di matearsso in commercio?

 

Innanzitutto i più tradizionali, ma non per questo antiquati, materassi a molle.

 

4.1 I MATEARASSI A MOLLE

I materassi a molle sono formati, come indica il nome, da molle che, poste una accanto all’altra, e rivestite da tessuto, sostengono il corpo del dormiente. Esistono due tipi di matearssi a molle, ognuno con caratteristiche particolari: il materasso a molle tradizionali, e quello a molle insacchettate (indipendenti).

 

4.1.1 MOLLE TRADIZIONALI (ORTOPEDICHE)

I materassi a molle ortopediche rappresentano il maggior numero di materassi che si trovano nelle nostre case, e sono i tradizionali materassi a molle. Loro caratteristica principale è quella di permettere una buona ventilazione interna, offrendo in questo modo un buon sostegno (soprattutto a persone di corporatura robusta).

 

E’ importante per avere un buon materasso a molle ortopediche (tradizionali) che le parti superiori e inferiori del materasso siano rivestite da uno strato ammortizzante ed isolante, che vieti alle molle di entrare in contatto con il corpo, assicurando un riposo confortevole.

 

3.1.2 MOLLE INSACCHETTATE (INDIPENDENTI)

I materassi a molle insacchettate possono essere considerati come l’evoluzione del classico materasso a molle ortopediche, e rappresentano la scelta ideale per chi vuole dormire su un materasso privo di elementi rigidi. Grazie alle sue qualità ergonomiche, infatti, il materasso a molle insacchettate si adatta, grazie alle sue molle insacchettate e indipendenti una dall’altra, e si adegua al corpo di chi vi riposa. In questo modo viene garantito un adeguato supporto anatomico ed una totale distensione muscolare, e non è il dormiente a dover adeguarsi al materasso ma, viceversa, è il materasso che si adatta alla forma del corpo del dormiente.

 

Inoltre l’utilizzo del materasso a molle insacchettate allevia la pressione, migliorando la circolazione del sangue. Le molle insacchettate sono state realizzate soltanto dopo uno studio attento del corpo umano e della sua pressione esercitata sul materasso. In questo modo sono stati realizzati i materassi con questa tecnica, ovvero utilizzando molle contenute in sacchetti indipendenti, in modo da permettere al materasso di adattarsi alla diversa pressione che riceve dal corpo, sorreggendo il corpo in qualsiasi suo punto con il giusto sostegno, dando un sostegno diverso a seconda del peso e della pressione esercitata dal corpo.

 

Grazie a questa innovativa tecnica le molle si adattano in piena autonomia, e ogni molla si abbasserà a seconda della pressione esercitata dal corpo, ed indipendentemente dalle molle accanto. In questo modo, oltre a non produrre rumori con il movimento del corpo sul materasso, si permette di non propagare il movimento lungo tutto il materasso, in questo modo evitando di infastidire il proprio coniuge o partner con movimenti e rumori fastidiosi nel caso in cui uno dei due si muova durante la notte. Il numero di molle cambia a seconda dei modelli, di solito ad arrivare fino a 3000 micromolle insacchettate (il numero delle molle di solito è proporzionale anche alla grandezza del materasso).

 

Ma cosa cambia da poche a molte molle insacchettate? Più è alto il numero delle molle che costituiscono il materasso, tanto più sarà alta la risposta elastica del materasso e il comfort che questo offrirà.

 

Le molle insacchettate sono ideali per chi vuole avere un materasso accogliente, ergonomico ed a portanza media o medio/alta.

 

4.2 MATERASSI MEMORY

I materassi memory sono materassi che si adattano bene alla forma del proprio corpo, assicurando in questo modo oltre che un ottimo adattamento del materasso al peso corporeo, anche un adeguato sostegno della colonna vertebrale, grazie alla consistenza rigida del materasso, il quale contribuisce in questo modo ad alleviare piccoli fastidi alla schiena.

 

Il materasso Memory risulta molto sensibile alla temperatura corporea, e, adattandosi alla forma del corpo, favorisce la circolazione del sangue permettendo inoltre di mantenere una buona postura della colonna vertebrale. Una volta utilizzato, questo tipo di materasso riprende in modo graduale la sua forma originale, offrendo garanzia di prestazioni durevoli nel tempo.

 

I materassi di questo tipo, memory form, donano una sensazione di comodità e benessere non appena utilizzati, agevolando in questo modo il rilassamento di muscoli e nervi, eliminando contratture e tensioni e il senso di stanchezza che si prova al risveglio quando non si è riposato bene. Grazie inoltre alle sue qualità ultratraspiranti (il memory è di solito microforato), questo tipo di materasso crea un perfetto microclima, ostile agli acari e alla polvere.

 

4.3 MATERASSI IN LATTICE

Essendo elastici, ed adattandosi bene al profilo del corpo, i materassi in lattice hanno una superficie di contatto ottimale, e favoriscono un rilassamento totale della muscolatura, oltre che una migliore e regolare circolazione sanguigna. Altro punto a favore del materasso in lattice è quello che di offrire un grande beneficio alla colonna vertebrale, in quanto le permette di mantenere una linea corretta durante tutto il periodo del sonno.

 

Il lattice è un materiale resiliente, cioè è in grado di recuperare in poco tempo una dimensione identica a quella originaria, una volta che è stata rimossa da essa la pressione. E’ inoltre anallergico, in quanto composto da micro cellule (sono in milioni) che, avendo una struttura aperta, permettono all’aria di circolare liberamente, impedendo in questo modo che si accumulino muffe e polveri (essendo quindi un materiale ideale per chi soffre di allergia). Il lattice è inoltre ecologico, in quanto essendo un prodotto vegetale è riciclabile e biodegradabile. Altra osservazione da fare è che il lattice, per natura, ha proprietà battericida, germicida e fungicida.

 

4.4 MATERASSI WATERLILY

Il waterlily è un materiale prodotto in laboratorio: è un poliuretano espanso, che viene prodotto grazie all’utilizzo di acqua e materie prime che rispettano persona ed ambiente. Il waterlily è morbido e piacevole al tatto, e offre a chi lo utilizza come materasso benessere continuato nel tempo, in quanto riprende la sua forma originale anche molti anni dopo il suo primo utilizzo.

 

Il waterlily ha una struttura formata da molte cellule, e in questo modo (così come accade con il lattice) permette un’azione traspirante, favorendo la circolazione dell’aria (in questo modo evitando ristagni di umidità e calore). Tale materiale è totalmente elastico ed anatomico, quindi un materasso in waterlily si adatta molto bene alla forma del corpo, e distribuisce inoltre il peso in modo equilibrato, alleviando lo stress, i sovraccarichi e le tensioni muscolari.

 

Materassi di questo materiale, completamente anallergico, sono indicati principalmente per persone che soffrono di allergia alla polvere e agli acari.

 

4.5 MATERASSI ANALLERGICI RIMEDIO CONTRO LA POLVERE

I materassi anallergici sono indicati principalmente per chi soffre di asma o di allergia. Tali materassi hanno particolari fodere di rivestimento, che grazie alla loro azione bloccano il passaggio degli acari (oltre che dei loro allergeni) evitando in questo modo che tali acari entrino nel materasso e quindi nell’ambiente. Esistono ad esempio dei rivestimenti in SilverSafe (ottenuto da fibre tessili unite con argento puro) che rilasciando ioni di particelle d’argento (antibatterico) riesce a disattivare batteri e virus. I materassi anallergici si distinguono per la loro capacità di traspirazione, e da rivestimenti che evitano che si accumuli polvere, non permettendo inoltre la formazione di acari e germi (o almeno non favorendola). In questo modo i materassi anallergici creano un ambiente di riposo sano per il corpo.

 

5.CHE MATERASSO COMPRO A MIO FIGLIO?

Per un bambino il materasso migliore è sicuramente un materasso in lattice, che rispetti la naturale conformazione della colonna vertebrale. In questo modo al bambino viene garantito un adeguato sostegno per lo sviluppo e per la crescita. E’ inoltre importante che i tessuti che rivestono i materassi siano antibatterici, antiacaro e antiallergici. Questo per garantire che la salute del bambino non venga compromessa. Per un bambino sono inoltre consigliate reti ortopediche con doghe in legno.

 

6.COME SCEGLIERE LA RETE PIU’ ADATTA

Il materasso ha bisogno di una base idonea che lo sostenga. Esistono molti tipi di reti letto (possono essere reti in legno, metallo, a doghe, a sospensioni, fisse, manuali o motorizzate).

 

Prima dell’acquisto di un materasso è necessario controllare (se esiste) la vecchia rete utilizzata, per cambiarla se necessario. Bisogna controllare, per le reti a doghe ad esempio, che i listelli non siano appiattiti o curvi. E’ inoltre importante che la base della rete sia rigida, al fine di sostenere il materasso non creando affossamenti, e che la rete sia anche ventilata a sufficienza per permettere la traspirazione. In caso in cui questi requisiti non vengano soddisfatti, è necessario cambiare la vecchia rete con una rete da materasso nuova.

 

La rete deve innanzitutto essere correttamente abbinata al materasso che andiamo a scegliere. Materassi più sottili necessitano di una rete più rigida, ad esempio, ma sarebbe bene scegliere una rete modulabile per poterla regolare a seconda delle necessità, del momento o del materasso.

 

Una volta tenute a mente queste considerazioni potrete stilare una sorta di classifica del materasso e valutare in modo più consapevole l’investimento che state facendo.

 

Che rete scegliere? Ne esistono di diverse:

 

RETI CON TELAIO IN LEGNO, RETI CON TELAIO IN FERRO, DOGHE FISSE, DOGHE MANUALI, DOGHE ELETTRICHE, RETI A DOGHE ANATOMICHE, RETI A DOGHE ORTOPEDICHE, RETI A DOGHE ERGONOMICHE, RETI MORBIDE, RETI RIGIDE.

 

Farsi consigliare una buona combinazione rete materasso, in base al materasso scelto, è fondamentale.

 

7. CUSCINI E GUANCIALI GUIDA ALLA SCELTA

Il cuscino (o guanciale) serve a sostenere il collo durante il sonno. E’ importante che il guanciale non sia né troppo morbido né troppo rigido, altrimenti bisognerà assumere posizioni del corpo innaturali, non permettendo alla muscolatura di rilassarsi, e portando talvolta a dolori cervicali. Questi dolori, se non prevenuti (con i cuscini per la cervicale, le sedie ergonomiche, i materassi giusti, etc.) o con esercizi specifici per combattere la cervicale, possono aggravarsi.

 

Ecco quindi alcuni consigli per l’acquisto di un cuscino che potrebbero essere utili a qualcuno che sta acquistando un materasso o una rete.

 

Chi dorme supino è sconsigliato dall’acquistare cuscini troppo bassi o troppo alti, e in questo caso sono preferibili cuscini con sagomature cervicali per consentire un miglior appoggio del collo.

 

Chi dorme di lato è consigliato all’acquisto di un cuscino medio – alto. In questo modo sia la testa che il collo saranno allineati con la colonna vertebrale.

 

Chi dorme a pancia in giù dovrebbe usare un cuscino piuttosto basso per evitare irrigidimenti.

 

I materiali con cui un buon cuscino dovrebbe essere realizzato sono: piuma e piumino, che rendono il guanciale morbido e traspirante ma danno poco sostegno. Fibra di poliestere, che offre ai cuscini qualità particolarmente traspiranti e lavabili ma non ergonomiche. In lattice o schiuma i quali si adattano alla forma della testa e curvatura del collo, garantendo sostegno uniforme ed avendo inoltre proprietà anallergiche e contro gli acari.

 

E’ da ricordare che i cuscini sono ricettacolo di germi e sporcizia, e per questo motivo andrebbero arieggiati quotidianamente, lavati quando questo è possibile e inoltre dovrebbero essere ricoperti da federe in fibre naturali. La durata media, a seconda dell’utilizzo e dell’usura, è di 2-5 anni.

 

 

Esistono diversi altri tipi di guanciali e cuscini, tra i quali Guanciali Memory (che si adattano alla forma della testa), Guanciali in Fibra Anallergica (ottimi per chi soffre di asma o allergie), Guanciali in Piuma e Piumino (che rendono il cuscino morbido e traspirante),Guanciali in Lattice (che si adattano alla forma della testa e del collo dando un ottimo sostegno. Guanciali Speciali e Guanciali per la Cervicale (per chi ha problemi di cervicale) e Guanciali Ergonomici (ottimi perché assumono la forma di collo e testa, dando sollievo e garantendo un ottimo riposo).

DOGA MG EVOLUTION

Scrivi commento

Commenti: 0